Sport

Zamparini:”A Marzo vendo il club agli Americani”

Zamparini1

I primi sono stati gli Arabi, poi Frank Cascio e i Cinesi e adesso ecco gli Americani. Non è un barzelletta, ma sono i potenziali acquirenti che si sono susseguiti negli anni come nuovi proprietari del Palermo.

Scomparsa la pista cinese di cui si è tanto parlato in questi mesi, anche se i dubbi che l’affare potesse andare in porto erano parecchi, ecco che spunta a sorpresa una nuova pista: un fondo d’investimento americano che sarebbe pronto a rilevare il Palermo entro Marzo. Almeno stando alle parole rilasciate oggi da Zamparini al Corriere dello Sport: “Entro la fine di marzo cederò la società a un fondo d’investimento americano. I cinesi dovevano farsi vivi dopo il loro Capodanno, caduto il 28 gennaio. Non li ho più sentiti“.

Dichiarazioni importanti dopo il silenzio che ha accompagnato gli ultimi mesi sul futuro societario, anche se non è la prima volta che Zamparini afferma di essere ad un passo dalla cessione del club senza poi concludere realmente l’operazione. E’ già successo con Frank Cascio, sbarcato a Palermo la scorsa estate senza trovare però l’accordo con il patron rosanero per la cessione del club.

Secondo Zamparini l’affare non andò a buon fine a causa delle mancate garanzie economiche e bancarie che il gruppo di Frank Cascio non era in grado di assicurare. Le stesse garanzie che invece avevano convinto il patron rosanero ad avviare fitti contatti con i Cinesi, pronti a investire cifre importanti per rilanciare il club e costruire un nuovo stadio. Peccato che il tutto si sia concluso con un nulla di fatto, sempre che ci sia stata realmente una trattativa avviata.

Il presidente nel corso dell’intervista ha toccato altri temi soffermandosi in particolare sul suo rapporto con gli allenatori :“Non li ho cacciati sempre io– precisa – . Ballardini si è autoesonerato dopo la lite con Sorrentino, De Zerbi l’ho tenuto anche dopo sette sconfitte di fila. Ho lanciato allenatori come Spalletti,Zaccheroni, Ventura e Gasperini“. Il presidente continua: “Io ne so di calcio, il presidente serve solo a mettere soldi? Quando la mia squadra perde divento matto, io amo avere un contatto giornaliero con il mio allenatore. Lo faccio con Lopez, non succedeva con De Zerbi“.

Infine per quanto riguarda il rapporto con i tifosi Zamparini è stato chiaro:“Quando vado a Palermo incontro gente che mi vuole bene e che mi ringrazia per quanto fatto“.

 

In alto