News

Tour operator propone giro a tema sulla mafia da Trapani a Palermo. “Vogliamo far conoscere il reale fenomeno”

pupi-antimafia

Un tour speciale guidato nei luoghi della mafia. È la proposta del tour operator Easy Trapani, promossa anche con un video in cui si ricostruisce una sparatoria. Il tour guidato da Gianni Grillo porta i turisti “in alcuni dei luoghi più interessanti e famosi legati alla storia della mafia nella Sicilia occidentale e conoscerete gli eventi passati e recenti sulla scena politica dell’isola”. “Il nome potrebbe trarre in inganno – spiega Grillo – ma abbiamo esigenza di sintesi. Il tour è frequentato soprattutto da stranieri. Sarebbe difficile fargli capire di che si tratta utilizzando una perifrasi.

In realtà il nostro è un tour ‘culturalizzante’ sul fenomeno della mafia. Vogliamo abbattere certi stereotipi. Quasi tutti i partecipanti, infatti, hanno della mafia una visione romantica facendo riferimento soprattutto al film ‘Il padrino'”. Per far capire ai turisti cosa è la mafia, Grillo li porta al museo antimafia Cidma di Corleone. “Lì cominciano a capire – aggiunge – quante differenze ci sono tra la loro concezione e la realtà. Parlare di mafia è ancora un tabù e questo non fa altro che allontanarne la fine. L’unica cosa che ci permetterà di sconfiggere Cosa nostra è la cultura. Ne sono assolutamente convinto”. Durante il giro i turisti visitano il museo della mafia di Salemi e anche “un giornalista o un’altra persona coinvolta nella resistenza attiva contro i clan criminali di Cosa Nostra”, si legge nel sito.

Si gira poi per Corleone, Castelvetrano, Alcamo, Castellammare del Golfo cha hanno avuto, secondo il sito “un ruolo cruciale nello sviluppo della mafia, delle sue tradizioni”. “Spieghiamo – conclude Grillo – le origini del fenomeno, fin dal 1860. Così la gente capisce quanto è distante e differente rispetto a oggi”. A partecipare al tour, che include il pranzo e costa circa 60 euro, sono tantissimi turisti stranieri.

In alto