Cronaca

Sequestrati beni per oltre 1 milione di euro

villa sequestrata

Sequestrati beni per un valore complessivo di oltre 1 milione di euro nei confronti del pregiudicato palermitano Giuseppe Fascella, classe 1972.

Il Tribunale di Palermo (Sezione Misure di Prevenzione presieduto dal dott. Giacomo Montalbano a latere la d.ssa Giuseppina Di Maida ed il dott. Vincenzo Liotta), accogliendo la proposta avanzata dal Procuratore Aggiunto Dr. Bernardo Petralia, ha emesso il decreto con cui ha disposto il sequestro di beni nei confronti dell’uomo, considerato “soggetto abitualmente dedito ad attività delittuose ed incline alla commissione di delitti di elevatissimo allarme sociale, alcuni dei quali posti in essere con finalità e metodi tipici dell’associazione mafiosa Cosa Nostra”.

L’uomo è stato arrestato nell’ottobre del 2014 dalla sezione antidroga della Squadra Mobile di Palermo, nell’ambito dell’operazione denominata convenzionalmente “Vai e vieni”.

L’indagine patrimoniale è stata condotta dagli investigatori della Sezione Misure di Prevenzione della Questura di Palermo ed ha permesso di individuare e successivamente sequestrare una lussuosa villa ubicata in via San Bernardo da Corleone, in località di Villagrazia di Palermo del valore stimato di circa 1.000.000 euro.

Come spiegano gli investigatori, “gli accertamenti patrimoniali hanno dimostrato, infatti, come sia l’uomo che la moglie, quest’ultima formale intestataria dell’immobile, non disponevano di entrate lecite e sufficienti per l’acquisto dei beni oggi raggiunti dal provvedimento del Tribunale di Palermo”.
In particolare, è emerso nel corso delle indagini come l’irrisoria capacità reddituale dichiarata dai coniugi non abbia potuto consentire agli stessi di approntare non solo gli elevati costi di realizzazione della villa in argomento ma, addirittura, reso assolutamente sperequato persino l’acquisto del terreno, ove è stato realizzato l’immobile in violazione delle norme in materia urbanistica.

In alto