Cronaca

Rischio infiltrazioni mafiose: il Ministero delle Politiche Agricole chiude l’ippodromo di Palermo

Ippodromo La Favorita Palermo visto dal drone

L’ippodromo ‘La Favorita’ di Palermo “sospende l’effettuazione dei convegni di corsa” dal prossimo 10 marzo per assicurare “la sicurezza e la prevenzione delle infiltrazioni criminali”. Lo ha deciso il ministero delle Politiche agricole, con un decreto del capo dipartimento Luca Bianchi, che è pubblicato sul sito dell’ippodromo. La decisione fa seguito a un’iniziativa, di cinque giorni fa, del presidente della società Ires, Giovanni Cascio, pubblicata anche questa sul sito dell’ippodromo:

“A seguito delle irregolarità verificatesi in occasione della corsa del 24 febbraio scorso – si legge nella nota – a tutela della società stessa e delle persone oneste che frequentano e lavorano presso l’ippodromo, sospende lo svolgimento delle corse fino a quando non saranno messe in atto dalle Autorità preposte adeguate misure per poter garantire il corretto svolgimento delle corse e scongiurare il rischio di infiltrazione della criminalità organizzata presso l’ippodromo”.

In alto