News

Questore Longo: “Lascio Palermo per una nuova sfida” In città la mafia c’è, e si è trasformata

questore-longo

“Vado via da Palermo e il mio saluto alla città significa anche l’abbandono della Polizia di Stato. Un passo triste per me dopo 39 anni di servizio effettivo, trascorso in Calabria, in Sicilia, in Campania e in parte anche a Roma. Ha un significato particolare, è un passo pesante, ma per me è anche una sfida”. Così il questore di Palermo, Guido Longo, durante la conferenza stampa sull’operazione che ha sgominato due gruppi di palermitani, napoletani e calabresi che rifornivano di droga i professionisti del capoluogo.

Il questore Longo lascia Palermo, infatti, per assumere l’incarico di prefetto a Vibo Valentia. Al suo posto il primo marzo arriverà Renato Cortese, a capo del Servizio centrale della polizia. “Torno in Calabria che ai miei inizi mi ha accolto a braccia aperte, lì mi sono formato – ha aggiunto -. La ‘ndrangheta non sarà una novità per me, quello che è nuovo è l’approccio. Ringrazio il ministro dell’Interno per la fiducia che ha riposto in me, spero di ripagarla”. Nel corso di saluti ha ribadito che “la mafia non è finita, è finita quella corleonese, ma Cosa nostra oggi si è trasformata.

E’ molto più subdola e soft, da punto di vista economico è sempre presente. I sistemi economico-finanziari sono talmente complessi che è difficile individuarla, ma c’è, inquina l’economia, distrugge e azzera il mercato sano. Dobbiamo impedirlo”. Per Longo l’incarico di questore di Palermo era stato un ritorno. “Ho trovato una Palermo cambiata in meglio – aggiunge Longo – una società civile che è molto attenta a quello che succede, molto vigile, che osserva quanto fanno le istituzioni. E un bene che queste ultime vengano osservate, noi siamo al servizio dei cittadini, il nostro lavoro non è gestione di un potere”. Alla fine un monito all’informazione.

“La stampa oggi ha un ruolo importante, la gente chiede verità e questo Paese ha bisogno di verità perché su questa si fonda il futuro dell’Italia, conclude il questore. Siamo in una fase di assestamento e transizione, ma io sono fiducioso in un futuro migliore, che le nuove generazioni porteranno avanti. Credo molto nei giovani che dobbiamo formare, questa è la nostra mission”.

In alto