Sport

Palermo ecco Lopez: contratto di 2 anni

332405_heroa

Diego Lopez è il nuovo allenatore del Palermo. Si attende solo l’ufficialità ma durante la serata di ieri è stato raggiunto l’accordo che legherà il tecnico Uruguagio al club Siciliano per le prossime due stagioni.

Lopez, 42 anni, è arrivato ieri a Milano dove ha incontrato Zamparini e Salerno.  Nel summit si è parlato di mercato, tattica e delle idee di gioco del giovane allenatore. L’obiettivo salvezza sembra ormai quasi irraggiungibile ma la sensazione è che il club di Viale del Fante punti sul neo tecnico anche per programmare il prossimo campionato, probabilmente in Serie B.

Una volta arrivato il comunicato ufficiale del club ecco che l’ex allenatore di Cagliari e Bologna dirigerà il suo primo allenamento in vista del match di domenica sera al San Paolo contro il Napoli. Difficile immaginare stravolgimenti nell’11 titolare e a livello di modulo, probabile la conferma del 3-5-2 utilizzato da Corini nelle ultime partite. Inoltre l’andamento del mercato di certo non aiuta: Hiljemark è ufficialmente un giocatore del Genoa e Quaison è sul piede di partenza, mentre per quanto riguarda possibili nuovi innesti sembra tutto fermo.

Lopez è il quarto allenatore di questa travagliata stagione, i tifosi sperano sia l’ultimo anche se con Zamparini mai dare nulla per scontato.

“Penso che sia un’opportunità unica per me ha detto il neo allenatore. Palermo è una piazza importante, ieri ho incontrato Zamparini e mi ha fatto molto piacere perché mi ha chiesto di far bene e ci crede. Sappiamo che è una situazione complicata, ma anche io credo nella salvezza. Occorre lavorare e parlare poco. Ho la fiducia del presidente e del ds Salerno, me la tengo stretta”. Di facile non c’è niente – ha spiegato ai microfoni di Mediagol.it. Il presidente mi ha parlato in vista dei prossimi sei mesi e dell’anno prossimo: solo così si può costruire qualcosa di importante. Di mercato dovete parlare col ds Salerno, la persona più idonea.

Io non ho chiesto nulla al presidente, parlerò col direttore”. “So quanti sacrifici fanno i tifosi vivendo in un’isola per seguire la squadra – ha concluso – Non servono parole, noi vogliamo ripagare la loro fiducia con le prestazioni in campo”.

In alto