Politica

Migranti, Casapound: “Md Alamin scappa dal confronto”

casapound

Dopo che CasaPound aveva sfidato Md Alamin e il suo partito a un confronto pubblico sul complesso tema dell’immigrazione e sui suoi risvolti sociali, è arrivata la risposta del diretto interessato.

Md Alamin sul suo profilo Facebook risponde: “E’ necessario dialogare sulla tematica dell’accoglienza con certuni dopo aver constatato chiaramente i risultati delle recenti elezioni amministrative? Io penso che i palermitani hanno già dato una risposta democratica confermando un sindaco che ha parlato spesso dell’accoglienza, dell’immigrazione e della Carta di Palermo, riconfermandolo al primo turno e accettando in pieno tali tematiche nella loro positività, rilegando il risultato di alcuni partiti di destra al 2%. Anche il Presidente Sandro Pertini diceva che con persone appartenenti al fascismo non si può mai dialogare“.

“Una risposta totalmente strampalata – dichiara CasaPound Palermo – senza alcun senso e che testimonia come molto spesso chi si riempie la bocca di parole come “democrazia”, “dialogo” e “confronto” lo fa solo per fini propagandistici, ma poi è in piazza a chiedere alla Questura di non far manifestare chi la pensa diversamente e scappa sistematicamente da ogni confronto costruttivo”.

“Sarà dunque nostro compito – dichiara CasaPound – continuare a lavorare nei quartieri popolari e spiegare ai palermitani che un governo di buffoni, manovrato da banchieri, sta svendendo la sovranità del popolo italiano e abbandona i suoi figli più disperati, mentre versa miliardi di euro ogni anno per gli ultimi arrivati. Chi si arricchisce con questo business?
Al dottor Alamin regaleremo inoltre una brochure con tutte le attività e le battaglie di CasaPound e il nostro documento ufficiale sul tema dell’immigrazione, perché dalle sue ultime dichiarazioni deduciamo che di CasaPound non conosca proprio nulla”.

In alto