Sport

L’agonia è finita. Il Palermo pareggia con il Chievo ma non basta, saluta la serie A

vlcsnap-2017-05-07-17h23m28s615

La sentenza è arrivata. Il Palermo dopo un campionato disastroso sotto tutti i punti di vista ritorna nella serie cadetta mettendo fine alle sofferenze dei tifosi. Il pareggio per 1-1 contro il Chievo non è bastato ad alimentare le speranze di rimanere in serie a. La vittoria dell’Empoli contro il Genoa per 3-1 condanna i rosa. Adesso si guarda al closing societario nella speranza che gli obiettivi della nuova gestione siano seri.

Una partita senza intense emozioni, così come del resto le precedenti. Dopo un primo tempo senza colori, nella ripresa al 67’ fallo in area di Bruno Henrique su Inglese. L’arbitro decreta il calcio di rigore e Pellissier dal dischetto mette in rete battendo Fulignati. E’ il Chievo a continuare ad attaccare, ma a due minuti dalla fine il Palermo trova il gol del pareggio con Goldaniga che scatta sul filo del fuorigioco in occasione di una punizione dal limite, e batte Sorrentino. Nel recupero i rosa trovano anche il gol del vantaggio, ma quest’ultimo viene annullato per fuorigioco. Poi il fischio finale, a decretare la fine di un incubo che dura dall’inizio del campionato.

Lo scorso anno i rosanero si erano salvati all’ultima di campionato proprio contro il Chievo, con Sorrentino però dalla nostra parte. Ironia della sorte la retrocessione arriva contro la stessa squadra. Inutile tentare di fare l’analisi di questa stagione: si è toccato il fondo con elementi inadeguati alla categoria e prestazioni da brivido. Altrettanto inutile ricordare le glorie degli anni scorsi ed i giocatori passati da questa squadra. Da Belotti a Dybala, senza contare Cavani, Pastore, Miccoli, e chi più ne ha più ne metta. Certo la retrocessione brucia, speriamo almeno che sia soltanto un arrivederci.

In alto