Archivio

La Uil proclama stato agitazione per l’ Amat di Palermo.

autobus-amat-704

La Uiltrasporti ha proclamato lo stato di agitazione di tutto il personale dell’Amat, la società che gestisce il servizio di trasporto pubblico a Palermo. La decisione è scattata, tra l’altro, per l’ incertezza sullo stato “economico – finanziario” dell’azienda, la mancanza di un piano industriale e del contratto di servizio e la mancata realizzazione di infrastrutture, e perché “l’azienda continua a trattenere quote parte delle retribuzioni dei dipendenti destinate a terzi, onorate con mesi di ritardo, generano condizioni di negatività per i lavoratori”.

“Nonostante tutte le buone promesse, il 2017 si è aperto, ancora – scrive il sindacato – con un ulteriore taglio di servizio, con il risultato di allontanare sempre più la periferia dal centro citta. Si deve purtroppo constatare che nonostante siano passati sette mesi dall’ incontro del 29 luglio 2016 nel quale, a seguito di precisi impegni presi dall’azienda, era stato revocato lo ‘stato di agitazione’ ad oggi quegli impegni assunti sono rimasti solo dichiarazioni di intento. Questi sette mesi dovevano servire a ricercare idonee soluzioni mentre, invece, sono stati utilizzati dal CdA dell’Amat per eludere e rinviare ogni scelta e decisione in merito”.

In alto