News

In 70 si candidano a Palermo per lavoro da lustrascarpe

lustrascarpe00000000

Sono previste quindici postazioni nei punti nevralgici di Palermo per offrire nuove possibilità di lavoro e, allo stesso tempo, far rivivere un mestiere ormai scomparso, quello del lustrascarpe. Ed è subito boom di candidature, complice la crisi e la fame di lavoro. Sono oltre settanta i curriculum di giovani, alcuni diplomati e anche laureati, inviati a Confartigianato Palermo per partecipare alla selezione per un posto fisso da Sciuscià. La prima tranche di aspiranti lustrascarpe è stata valutata ieri, una seconda selezione si terrà l’1 febbraio. Quindici i posti a disposizione, chi verrà scelto farà parte di una cooperativa, le spese saranno sostenute dall’associazione degli artigiani, che formerà i ragazzi e fornirà loro gratis gli strumenti da lavoro.

Lo stipendio come detto in media potrebbe aggirarsi tra i mille e i 1.200 euro al mese. A chi sarà selezionato, oltre al periodo di formazione forniremo gratuitamente gli strumenti di lavoro. Ci saranno 15 postazione in centro a Palermo e in alcuni nodi strategici come la stazione, il tribunale e l’aeroporto di Palermo”. “Il mestiere di lustrascarpe – ricorda Reina – era una tradizione a Palermo e tra i ragazzi arrivati ieri a colloquio, ce n’era una il cui padre faceva proprio questo di mestiere. Mi ha colpito, dicendomi abbiamo vissuto grazie al suo lavoro, non ci ha fatto mancare nulla”.

In alto