Politica

Il centrodestra si spacca sulle primarie: Armao, Attaguile e Musumeci dal notaio per accettazione candidatura

elezioni vetrina

Le primarie del centrodestra in Sicilia in vista delle prossime elezioni regionali salteranno. Lo rende noto una nota di Saverio Romano e Gianfranco Micciché. “Forza Italia e Cantiere Popolare non presentano candidati per le primarie del centrodestra. Questa decisione risponde ad alcune considerazioni politiche: innanzitutto la necessità di attrezzare una larga coalizione alternativa a Crocetta. In secondo luogo perché riteniamo necessario un confronto sui contenuti e sui programmi, presupposto indispensabile di unità e coesione”.

Una nota anche del Movimento nazionale siciliano, Noi con Salvini e Diventerà bellissima. Come movimenti politici, facenti parte della Coalizione ‘Per la Sicilia’ alternativa all’attuale governo regionale e al Pd, che hanno aderito alla proposta di svolgere elezioni primarie per la scelta del candidato alla presidenza della Regione, consideriamo molto grave che alcuni partiti, malgrado avessero sottoscritto quella intesa, abbiano deciso all’ultimo momento di tirarsi fuori con bizantinismi e motivazioni disarmanti, mettendo a serio rischio l’unità dell’alleanza”. Lo scrivono in una nota il Movimento nazionale siciliano, Noi con Salvini e Diventerà bellissima, che hanno raccolto sui loro rispettivi candidati Gaetano Armao, Angelo Attaguile e Nello Musumeci “migliaia di firme – si legge nella nota – come previsto dal regolamento”. Oggi i tre esponenti politici hanno formalizzato la loro accettazione di candidatura innanzi a un notaio. “Ci siamo sempre impegnati in questi mesi – dicono – a tutelare l’unità di una coalizione che ha il dovere morale di tenersi compatta senza trasformismi per offrire una proposta di sviluppo e rilancio della Sicilia, sconfiggere il malgoverno di Crocetta, del Pd e dei suoi alleati e, al contempo, impedire che abbiano successo l’incapacità e la demagogia grillina”. Armao, Attaguile e Musumeci hanno concordato per i prossimi giorni un confronto politico-programmatico.

In alto