News

I reali d’Olanda visitano la città. Incontri istituzionali e tradizioni palermitane

reali olanda00000000

Il re Willem-Alexander e la regina Máxima d’Olanda a Palermo, accolti ai Quattro Canti dal sindaco Leoluca Orlando. Prima una tappa alla fontana di piazza Pretoria poi l’ingresso a Palazzo delle Aquile, sede del Comune di Palermo. Qui hanno firmato il registro d’onore della città. La regina con un, cappello a falde larghe, vestita di bianco, ha sorriso e salutato la folla. I reali di Olanda hanno visitato la sala delle Lapidi e l’interno del palazzo. Poi la tappa all’associazione multiculturale di Ballarò, per conoscere le attività di integrazione con i migranti e la visita alla cappella Palatina all’Ars con il presidente Giovanni Ardizzone. Èprevisto a fine mattina un pranzo di gala nella sala degli specchi di Villa Niscemi in onore dei reali di Olanda. A curare il menù lo chef Natale Giunta.

Poi alla presenza del re e della regina d’Olanda, il procuratore Francesco Lo Voi e il procuratore nazionale olandese Fred Westerbeke hanno siglato una lettera di intenti che prevede la collaborazione delle due autorità giudiziarie nel contrasto al crimine organizzato e alla tratta degli esseri umani. La cerimonia si è svolta nella questura di Palermo. La visita dei reali olandesi prosegue al palazzo di giustizia di Palermo.

“La presenza in città dei reali dei Paesi Bassi e la contemporanea presenza di autorità politiche di governo e della magistratura del paese che condivide con l’Italia una forte sintonia politica internazionale rappresentano un importante riconoscimento alla città di Palermo che, in toto, è oggi assurta a modello su scala europea e mondiale non solo per la sua pratica e cultura dell’accoglienza, ma anche per la lotta alla criminalità organizzata legata alla tratta di esseri umani”. Lo ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, dopo avere accolto il re e la regina d’Olanda, Guglielmo Alessandro e Maxima, “La visita di queste ore di re Willem Alexander di Orange-Nassau e della regina Maxima Zorreguieta Cerruti – ha aggiunto il sindaco – l’attenzione rivolta al percorso di rinascita della città e alle sue realtà sociali più vive, l’interesse per la pratica dell’accoglienza e della solidarietà, il riconoscimento del lavoro svolto dagli organi giudiziari per il contrasto della tratta: sono tutti elementi di orgoglio per il sindaco della città, per quello che è apparso come un modello di comunità che affronta un tema con una importante visione del futuro. Una visione – ha concluso Orlando – basata sui valori imprescindibili della solidarietà, del dialogo, dell’accoglienza e della legalità”. (

In alto