Cronaca

Gdf sequestra 450 mila euro ad una società di Partinico

Fiat_Stilo_Guardia_di_Finanza1

Le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Palermo hanno eseguito un provvedimento di sequestro per equivalente di circa 450 mila euro, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari su richiesta formulata dalla Procura della Repubblica di Palermo, che ha ritenuto sussistenti i gravi indizi di colpevolezza per i reati di emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. L’attività ha tratto origine da una verifica fiscale nei confronti di una società di Partinico, che opera nel settore della grande distribuzione. I finanzieri hanno segnalato all’Autorità Giudiziaria l’utilizzo di fatture fittizie da parte della società concernenti l’impiego di manodopera, spese pubblicitarie ed acquisti di materiale informatico emesse da otto imprese ritenute compiacenti.

Attraverso l’utilizzo di queste fatture, la società ha conseguito consistenti vantaggi fiscali, abbattendo il guadagno da dichiarare al Fisco e, quindi, corrispondendo meno imposte di quelle dovute. Il minore incasso per lo Stato è stato stimato, appunto, in circa 450 mila euro. Gli amministratori della società sono stati denunciati alla Procura di Palermo per dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti, insieme ai soggetti emittenti per il rilascio dei documenti mendaci. Le somme sequestrate dalle Fiamme Gialle, che servono per garantire allo Stato l’incasso delle imposte dovute, erano giacenti su un deposito titoli a garanzia e su due polizze assicurative.

In alto