Gustovagando

Erbe aromatiche, dai più gusto al tuo benessere

erbe aromatiche

di Vanessa Pia Turco 

Nella dieta mediterranea, ampiamente apprezzata in tutto il mondo, protagoniste indiscusse di tante ricette appetitose sono le piante aromatiche. Nell’ultimo decennio alcuni ricercatori americani hanno evidenziato la loro elevata capacità antiossidante, essenziale per difenderci da stress, inquinamento e invecchiamento precoce. Scopriamo insieme alcune delle qualità benefiche di queste erbe semplici e preziose che sanno regalare ad ogni piatto tanto sapore, colore e fantasia.

ORIGANO
Pianta perenne tipicamente mediterranea che può raggiungere i 70-80 cm di altezza. Appartiene alla famiglia delle Lamiaceae ed il suo nome botanico è Origanum. Ha foglie arrotondate e fiori bianchi o rossastri riuniti in pannocchie che maturano in estate. Cresce allo stato spontaneo nelle zone aride e assolate e predilige un clima caldo-temperato. L’origano nell’antica Grecia era utilizzato per formare le corone che adornavano gli sposi come augurio di fedeltà e prosperità. Per una buona conservazione basta recidere gli steli erbacei e riunirli in grandi fasci da appendere in posti ombrosi e asciutti. L’origano può essere polverizzato e riposto in recipienti di vetro scuro. Secondo la medicina popolare l’origano stimola la digestione e allevia cefalea, mal d’orecchi, asma, punture d’insetti e spossatezza. Contiene inoltre micronutrienti preziosi come le vitamine A, B1, B2, B3, C, K, sali minerali come potassio, rame e manganese e aminoacidi come triptofano, valina, leucina e arginina.

SALVIA
Arbusto sempreverde che appartiene alla famiglia delle Labiate e il cui nome botanico è Salvia officinalis. Ha foglie verde-grigio molto spesse, bei fiori viola e ama il caldo, il sole e i terreni ben drenati. È una pianta rustica che non richiede troppe cure e che cresce spontanea nei terreni sassosi fino a 800 m di altezza. Dalla salvia si può estrarre un olio essenziale, molto apprezzato in aromaterapia, che stimola la digestione, tonifica l’organismo e attenua i disturbi connessi con la menopausa come ansia e irritabilità. Le foglie, che vanno asportate alla base della pianta per il profumo più intenso, possono essere essiccate lasciandole riposare per 20-30 giorni in luoghi bui e ventilati. La salvia è utilizzata in cosmesi e fitoterapia per la sua azione diuretica, espettorante e battericida e per lenire gengiviti, eczemi, piaghe e sudorazione eccessiva. La salvia la ritroviamo spesso nella composizione di colluttori e dentifrici per le sue qualità sbiancanti e rinfrescanti.

BASILICO
Pianta erbacea annuale con fusto eretto, fiori bianchi o rosati e foglie ovali dall’aroma inconfondibile. Appartiene alla famiglia delle Labiate e il suo nome scientifico è Ocimum basilicum. Si adatta bene ad ogni tipo di terreno purché di medio impasto e ben drenato. Le foglie vanno consumate fresche per insaporire sughi, zuppe, carni e minestre ma possono essere anche conservate nel congelatore, sott’olio o come pesto genovese. Il basilico è un buon tonificante del sistema nervoso, aiuta la digestione e può alleviare stati di ansia e stress per le sue componenti antiossidanti. Contiene sali minerali come il potassio che combatte stanchezza e abbassamento dell’umore, il magnesio che ridona slancio nelle prestazioni intellettuali e sportive ed il rame che rafforza le ossa e stimola il sistema immunitario e la produzione di emoglobina. Presenti in buona quantità le vitamine A, B, C ed E. L’olio essenziale di basilico è particolarmente indicato per tosse, cefalea e raffreddore.

ERBA CIPOLLINA
Pianta aromatica spontanea con radice a bulbo bianco, appartenente alla famiglia delle Liliaceae e il cui nome scientifico è Allium schoenoprasum. Originaria dell’Asia e dell’Europa settentrionale, ha un sapore che ricorda quello della cipolla, foglie sottili e bellissimi fiori rosa. Questa pianta va consumata fresca e non tollera la cottura prolungata. Ha un sapore delicato e risulta ideale per condire creme a base di patate, uova, insalate e minestre. L’erba cipollina cresce bene in terreni fertili, freschi e ben drenati. Ama il sole ed il clima temperato ma sopporta bene anche il freddo più intenso. Attualmente la si può ritrovare in tutta l’Europa e nell’America del Nord. È una pianta davvero preziosa che stimola la diuresi e la circolazione sanguigna, migliora l’elasticità dei muscoli e attenua il meteorismo. Presenti la vitamina A che protegge la vista e la pelle, la vitamina B1 che attenua i disturbi del sonno e dell’umore e l’acido folico che combatte diarrea e tensione premestruale e protegge il feto durante la gravidanza. l sali minerali presenti sono calcio, silicio, ferro, rame, manganese.

Ecco una ricetta ricca di gusto e facile da eseguire che allieterà di sicuro i vostri invitati.
INSALATA DI LENTICCHIE ROSSE ALLE ERBE AROMATICHE

INGREDIENTI

  • 300 gr lenticchie rosse
  • 2 pomodori maturi
  • 1 cipolla rossa
  • 1 ciuffo di maggiorana
  • 1 ciuffo di basilico
  • 1 spicchio di aglio
  • Olio d’oliva
  • Sale marino

PREPARAZIONE
Lavare e tagliare finemente i pomodori e le piante aromatiche. Fare cuocere le lenticchie a fuoco basso in acqua salata, poi scolare e versare in un grande piatto. In una padella fare rosolare l’aglio, la cipolla e i pomodori con un filo d’olio per qualche minuto. Versare sulle lenticchie la salsina con le erbette fresche. Aggiungere pepe nero o peperoncino fresco a piacimento.

 

In alto