News

Depositate le motivazioni della sentenza di condanna all’ex presidente dell’Ars Cascio

cascio-evidenza

Depositate le motivazioni della sentenza con cui il gup di Palermo Guglielmo Nicastro ha condannato l’ex deputato regionale dell’Ncd Francesco Cascio a due anni e otto mesi per corruzione. L’ex presidente dell’Ars, proprio dopo questa condanna, ha dovuto lasciare lo scranno di sala d’Ercole uscendo di fatto dalla rosa dei possibili candidati del centrodestra a sindaco di Palermo. “Può ritenersi dimostrato, con certezza – scrive il giudice che ha celebrato il processo in abbreviato – al di là di ogni ragionevole dubbio, che Francesco Cascio, nella seconda metà del 2001, allorquando aveva già assunto le funzioni di assessore al Turismo, siglava un accordo corruttivo con l’imprenditore Giuseppe Lapis, avente a oggetto il compimento in favore del gruppo di imprese da questi diretto, l’Enotecna srl, di atti del suo ufficio, tutti miranti a garantire il finanziamento delle opere di realizzazione del resort Baglio delle vacanze e del tempo libero”.

I fatti contestati coprono un periodo che va dal 2002 al 2010. Secondo i pm Cascio, mentre era assessore al Turismo e vicepresidente della Regione nel governo Cuffaro (2001-2004), avrebbe consentito a una società titolare di un resort e di un impianto sportivo adibito a campi da golf di ottenere fondi europei. In cambio avrebbe ricevuto “lavori” e “servizi” per la costruzione di una sua villetta a Collesano, nei pressi dello stesso resort. Cascio avrebbe agito “in concorso” con altri due ex dirigenti regionali, Agostino Porretto e Aldo Greco, che hanno scelto il rito ordinario. “Preme rimarcare – conclude il giudice – che la contrarietà degli atti ai doveri d’ufficio no è stata qui, né semplicemente inferita né desunta in via gravemente presuntiva dalla fitta e pluriennale serie di utilità illecitamente ricevute dall’imputato, ma ha trovato un elevato, preciso e pieno suffragio probatorio nelle plurime e gravi anomalie che inficiano i provvedimenti in questione”.

In alto