Politica

Crocetta su Fb risponde in video a quesiti cittadini. Lo farà una volta a settimana

crocetta00000000

Una rubrica settimanale sulla sua pagina Facebook per rispondere ai quesiti posti dai cittadini. A lanciarla è il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, che ieri è comparso in video per quella che lui stesso ha definito “una edizione straordinaria”. Quindici minuti durante i quali Crocetta, ripreso da una telecamera nel suo ufficio a Palazzo d’Orleans, ha risposto, fogli alla mano, alle domande di chi scriveva nella sua pagina Fb. Tra i temi affrontati dal governatore quello dei disabili: rispondendo ad alcune domande Crocetta ha ribadito l’intenzione di concedere il contributo diretto ai disabili gravissimi che hanno bisogno di assistenza h24, assicurando che non intaccherà il lavoro delle cooperative “che potranno continuare a erogare i loro servizi” e sottolineando che “chi mi sta attaccando non vuole il contributo diretto alle famiglia che invece è il mio obiettivo”.

Crocetta ha poi garantito che vuole risolvere il problema degli ex sportellisti e dei lavoratori della formazione, due aspetti per i quali “il governo ha presentato due leggi nella finanziaria”. A chi gli ha chiesto dei concorsi nella sanità ha risposto che “noi siamo pronti” e che la Regione aspetta l’autorizzazione dei ministeri all’Economia e alla Salute, mentre sul reddito minimo garantito “ci vuole una legge dello Stato che finanzi e regoli il sistema e io sono tra i presidenti di Regione che si stanno battendo per questo”. Sul nuovo progetto ‘Garanzia Giovani’ che “ha funzionato nella prima applicazione” il governatore spiega che “abbiamo presentato il programma che deve essere approvato dallo Stato e da Bruxelles, potrebbe partire a giugno”. Rassicurazioni anche agli operai ex Keller che chiedono la riapertura della fabbrica, “stiamo lavorando” e ai precari Asu senza sussidio che nei piani del governatore dovrebbero essere utilizzati per l’assistenza ai disabili. Crocetta riapparirà in video sul suo profilo Fb venerdì prossimo.

In alto