Cronaca

Controlli ai locali della movida, sanzioni per 15mila euro

polizia-municipale

Gli agenti della Polizia Municipale hanno eseguito accertamenti su locali in via Noce, in via Messina Marine, in piazza Napoli ed in via Cardinale Massaia, nel quartiere Arenella.

Il bilancio dei controlli ha registrato sanzioni per un importo totale di circa 15.000 euro ed il sequestro degli impianti di diffusione sonora.

In via Noce, al titolare sono state contestate sanzioni per la mancata autorizzazione alla somministrazione alimenti e bevande ed il mancato aggiornamento delle certificazioni sanitarie; omessa esposizione dei prezzi; somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche dopo le ore 24, mancata esposizione delle tabelle alcoliche e l’ indisponibilità dell’alcol test.

Invece, in via Messina Marine, all’interno di un lido balneare è stata riscontrata una discoteca abusiva che diffondeva musica ad alto volume nelle ore notturne. Gli agenti hanno interrotto l’attività per disturbo della quiete pubblica e circa cinquecento persone sono state invitate a lasciare i locali non giudicati idonei per lo svolgimento di simili attività. Sono inoltre stati sequestrati gli impianti acustici ed il titolare è stato denunciato all’autorità giudiziaria.

All’Arenella invece, gli agenti del nucleo antifrodi, intorno alla mezzanotte hanno riscontrato la diffusione di musica ad alto volume al di fuori di un locale di somministrazione di alimenti e bevande in piazza Napoli. Oltre alla sanzione al titolare, è stato eseguito il sequestro degli impianti di diffusione, compresi altoparlanti e consolle.

Identico provvedimento con sequestro è stato eseguito in un locale di via Cardinale Massaia, dove gli agenti sono giunti due ore dopo la mezzanotte, verificando anche in questo caso la diffusione di musica ad alto volume in ore destinate al riposo notturno.

Oltre alla sanzione, al titolare è stato sequestrato l’impianto di diffusione, un computer per il mixage dei brani musicali e le case acustiche. In entrambi i casi sono state avviate le comunicazioni allo sportello attività produttive per l’emissione del provvedimento di chiusura dell’attività per cinque giorni.

 

In alto