News

Consuntivo della guardia di finanza in Sicilia. Recuperati 44 mln di tasse e sequestrati 16 mln di beni

finanza anniversario00000000

La guardia di finanza in Sicilia, tra gennaio e maggio scorsi, ha “assicurato il presidio economico-finanziari con 2.820 accertamenti in campo tributario, amministrativo e valutario”. E’ il consuntivo nell’isola reso noto per il 243/mo anniversario della fondazione delle Fiamme gialle. Nel settore contrasto delle frodi fiscali e dei fenomeni evasivi più gravi e diffusi, la guardia di finanza ha eseguito l1.681 interventi ispettivi. Nel comparto tributario, sono stati individuati: 265 responsabili di evasione fiscale; 218 ‘evasori totali; 204 datori di lavoro che utilizzavano complessivamente dipendenti in nero (624) o con posizioni lavorative irregolari (189).

Indagini penali anche su evasione immobiliare (58), nuove partite Iva (79), operazioni di fiscalità internazionale (13), compensazioni crediti d’imposta (26), trasferimenti di denaro (169), operazioni su specie protette fauna e flora (22). Inoltre sono stati eseguiti sequestri per contrabbando di carburante (30 tonnellate) e sigarette (662 Kg.), e 6.546 articoli introdotti illegalmente in Italia. Controlli su ‘monopoli su giochi e scommesse”‘, con 53 interventi conclusi con sanzioni per 54 soggetti e il sequestro di 17 “macchinette” irregolari e 75 postazioni internet dedicate a scommesse illegali. Contestualmente, con specifiche indagini patrimoniali e finanziarie sono state individuate le ricchezze accumulate dai soggetti ritenuti responsabili dei più gravi fenomeni evasivi, proposte per la confisca alle Autorità competenti per recuperare oltre 44 milioni di euro. Allo stesso scopo, sono stati sequestrati beni e disponibilità finanziarie per 16,6 milioni di euro.

In alto