Magazine

Avena, le proprietà di un cereale semplice e gustoso

avena

di Vanessa Pia Turco 

L’avena è una pianta molto antica che risale a più di 4500 anni fa. Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che le sue virtù nutrizionali sono particolarmente benefiche per le funzioni biologiche dell’essere umano. L’avena presenta innumerevoli proprietà terapeutiche. Protegge e idrata la pelle, facilità l’evacuazione, stimola la diuresi e la digestione dei grassi, combatte l’insonnia e la perdita di tono e rappresenta un alimento ideale nella dieta del bambino e dell’anziano.

L’avena è una pianta erbacea annuale molto diffusa nei paesi dell’Europa settentrionale. Il suo nome botanico è Avena sativa e appartiene alla famiglia delle Graminaceae. Ha foglie piatte, ruvide e lanceolate, un fusto erbaceo molto sottile e cavo chiamato culmo e fiori costituiti da pannocchie aperte composte da numerose spighette che compaiono in piena estate. L’avena è una pianta rustica, predilige terreni fertili e ben drenati e climi freschi e temperati. Questo cereale nonostante la ricchezza dei micronutrienti contenuti viene solitamente utilizzato dagli allevatori per alimentare cavalli e bestiame mentre il prodotto di scarto, la paglia, va a costituire la lettiera delle stalle. Della pianta vengono utilizzati a scopo alimentare i semi interi e la crusca mentre la paglia e le sommità fiorite sono utilizzate prevalentemente in fitoterapia, cosmesi ed erboristeria.

porridgeIl latte d’avena che deriva dalla spremitura dei semi è una bevanda molto nutriente e gustosa ideale per la prima colazione del bambino, per chi è intollerante al latte e per chi vuole perdere peso. Da ricordare una tradizione strettamente anglosassone che vede come protagonista della prima colazione la ricetta del porridge, che consiste in una crema molto energetica composta da fiocchi d’avena, uvetta, latte, nocciole e frutta fresca.

L’avena è una vera miniera di sostanze preziose. È ricca di proteine e vitamine del gruppo B che tonificano il sistema nervoso e accelerano il metabolismo basale, di sali minerali come manganese, silicio, ferro, potassio, fosforo, zinco e rame che fortificano e proteggono il sistema respiratorio e di acidi grassi che proteggono il sistema venoso e il sistema arterioso. Presente inoltre un alcaloide, l’avenina, che si trova nel rivestimento esterno del chicco, la crusca, e che ha un effetto tonificante e riequilibrante sul sistema nervoso centrale. L’avena contiene carboidrati, acqua e soprattutto tantissime fibre che sono essenziali per la salute dell’essere umano. Le fibre aiutano a prevenire l’innalzamento del picco glicemico, controllano la sintesi del colesterolo da parte del fegato, stimolano la motilità intestinale e inducono un senso di sazietà anticipato scongiurando problemi come sovrappeso e obesità. E poi secondo numerosi studi clinici i cereali integrali possono prevenire anche i calcoli biliari. L’ingestione dello zucchero infatti causa di solito l’aumento del calcio nelle urine mentre Il magnesio in sinergia con la vitamina B6 facilitano la solubilità dell’ossalato di calcio. Un alimento che contiene entrambi è proprio l’avena così come l’orzo e il grano saraceno. Poi per la prevenire i calcoli bisogna ridurre, se possibile, i latticini compreso il latte vaccino. Ecco quindi una soluzione alternativa al latte di mucca e cioè il latte d’avena che è una bevanda digeribile e leggera.

Minestra alle verdure con avena e pepe nero 

Ingredienti: 

  • 400 gr avena decorticata
  • 1 cipolla rossa
  • Olio extravergine d’oliva
  • Olio di sesamo
  • Sale marino integrale
  • 1/2 cavolfiore
  • 2 zucchine verdi
  • 1 spicchio d’aglio
  • Prezzemolo fresco
  • Pepe in grani

Preparazione
Lasciare in ammollo l’avena per 3-4 ore circa. Lavare con cura e tagliare finemente le verdure. Pulire e schiacciare la cipolla e l’aglio poi versare gli aromi e le verdure in una padella ampia con un filo d’olio extravergine d’oliva, un cucchiaio di olio di sesamo ed un bicchiere d’acqua. Cuocere per alcuni minuti mescolando in maniera uniforme. Dopo 10 minuti circa aggiungere un altro bicchiere d’acqua. A cottura ultimata spolverare con pepe nero appena macinato. Servire infine la minestra con delle foglioline di prezzemolo fresco e dei crostini di pane ben caldi e dorati.

 

In alto