Politica

Approvazione finanziaria regionale: i commenti di Crocetta, Ardizzone e Baccei

Palazzo-reale-ars- regione

L’Ars ha approvato la manovra finanziaria: 37 i voti a favore, 15 i contrari e 7 astenuti. È una finanziaria che trasmette valori: abbiamo approvato una manovra con un bilancio in equilibrio, con norme importanti, penso al riacquisto del patrimonio immobiliare che determinerà risparmi importanti, o alle norme a sostegno dei disabili e per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Abbiamo avuto l’intuizione di varare una finanziaria essenziale”, ha detto il governatore Rosario Crocetta, in conferenza stampa a Palazzo dei Normanni, il via libera dell’Ars alla manovra. “Dalla prossima settimana – aggiunge – cominceremo a lavorare al collegato”. Nel ddl ci sono le norme espunte dalla manovra.

Per il presidente dell’Ars Ardizzone, anche con l’approvazione dell’ultima Finanziaria di questa legislatura abbiamo definitivamente messo nel dimenticatoio le vecchie leggi omnibus approvate di notte. Abbiamo proseguito con un metodo inaugurato nel 2013 e che siamo riusciti ad applicare anche a questa sessione di bilancio, la più a rischio chiaramente, viste le imminenti elezioni regionali”. “Nel merito delle norme approvate – aggiunge – si può essere d’accordo o no, come è normale che sia, ma certamente tutti i parlamentari hanno potuto esprimere, alla luce del sole, le proprie opinioni. Saranno i siciliani a giudicare”.

L’assessore all’economia Baccei si dice molto contento di questa finanziaria, è una manovra che chiude un percorso, abbiamo dimezzato addizionale Irpef e azzerato addizionale Irap. Oggi abbiamo i conti in equilibrio, abbassiamo le tasse, rimesso a posto in due anni quello che altri hanno distrutto in cinquant’anni. È evidente che la Sicilia ha ancora molti problemi ma la crescita è strutturale”.

In alto