Cronaca

Anni di violenze contro moglie e figli, arrestato 42enne

violenza, maltrattamenti, ragazza, donna, stalking,, tristezza, paura

Un 42enne di Casteldaccia è stato sottoposto agli arresti domiciliari. L’uomo è ritenuto responsabile di reiterati atti di maltrattamento contro familiari e conviventi in presenza di figli minori, già per questo sottoposto alla misura del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle persone offese e all’obbligo di presentazione.

A dare origine alle indagini, spiegano gli investigatori, “la denuncia di una moglie distrutta emotivamente, che lo scorso ottobre, giunta al limite massimo di sopportazione, si presentava presso quegli uffici insieme ai due figli minori, raccontando che da più di venti anni il marito la vessava con ingiurie, percosse, limitazioni della sfera della libertà personale e violenze psicologiche attuate anche alla presenza dei figli minori, verso i quali aveva analogamente preso a indirizzare i suoi comportamenti prevaricatori e violenti, verbalmente e fisicamente, provocando in tutti loro uno stato di mortificazione e di svilimento tali da compromettere il normale svolgimento della convivenza”.

Quando usciva con i suoi genitori, ha raccontato la donna, l’uomo la seguiva con la vespa e, appostandosi, la osservava da lontano; la rimproverava se volgeva lo sguardo a una persona del sesso opposto.

Alla luce della gravità dei fatti, la donna con i due figli minori sono stati collocati in una struttura di accoglienza per donne e minori a indirizzo segreto ed all’uomo applicate le misure del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle parti offese e dell’obbligo di presentazione alla p.g.

L’uomo avrebbe continuato a violare ripetutamente tali misure, mettendosi più volte in contatto con la moglie e i figli e perseverando nelle condotte intimidatorie verso di loro. Introducendosi fraudolentemente nel profilo della moglie su un noto social network per appropriarsi del contenuto delle sue conversazioni private, ha continuato ad atterrirla attraverso la pubblicazione di minacce ed intimidazioni.

In alto