Gustovagando

A tavola con La Gazzetta: sgombro a cotoletta

sgombro

Il pesce azzurro è un alimento centrale nella cucina isolana e i palermitani ne vanno particolarmente ghiotti. “U scurmu”, come tutti i pesci di questa famiglia, è uno più utilizzati e apprezzati della dieta mediterranea; è raccomandato dai medici per il suo apporto in grassi omega-3, particolarmente adatti per chi è affetto da ipercolesterolemia.

Le ricette che riguardano questo pesce risalgono al IV secolo a.c. mentre quella proposta oggi mette in evidenza varie componenti storiche e culturali più contemporanee. Lo sgombro a cotoletta infatti viene preparato con aceto, pepe, farina, uovo e pangrattato.

Ecco gli ingredienti per 6 persone:

  • 1 kg di sgombri di taglia media;
  • 150 g di aceto forte;
  • 3 uova;
  • 300 g di farina;
  • 300 g di pangrattato;
  • olio, sale e pepe quanto basta

Preparazione:

E’ una pietanza abbastanza semplice da preparare. Procedere alla pulizia degli sgombri eliminando la testa, il ventre e le lische. Subito dopo, senza danneggiarli, aprirli a libro. Una volta puliti, bisogna inumidirli con dell’aceto e insaporiti con sale e pepe. Lasciarli a mollo per circa un’ora e sgocciolarli. Una volta pronti, occorre passarli nella farina, nell’uovo battuto e nel pangrattato facendo aderire bene. Procedere dunque alla frittura fino a raggiungere un colore dorato. Il piatto va servito caldo, abbinato ad un buon vino bianco.

In alto