News

A Palermo i senza tetto sono il 5,7%, disoccupazione al 27% . I dati della cisl

disoccupati-vet

In Sicilia il 40% delle persone è a rischio povertà e nel 26% dei casi si trova in forte stato di deprivazione. Palermo, dopo Milano e Roma, con il 5,7% di senza tetto, è il terzo comune di d’Italia per numero di senza dimora. Lo rivela uno studio della Fisascat Cisl Palermo Trapani, presentato nel corso del congresso del sindacato in corso a Palermo. Sul fronte dell’occupazione, che nel 2016 in Sicilia registra un aumento di 2.6 punti percentuali, nell’Isola i disoccupati risultano pari al 22%, l’analisi, in controtendenza con l’andamento regionale, rivela un calo significativo degli occupati a Palermo (-0,2%) e Trapani (- 2%), ma anche un aumento del tasso di disoccupazione che a Palermo si attesta al 27% (+5% rispetto alla media regionale). I dati, secondo il sindacato, confermano il precario stato di salute dell’economia.

Nel capoluogo siciliano, in particolare, dal 2014 al 2016, hanno chiuso oltre 3 mila negozi: l’hannus orribilis per il commercio è stato il 2014, che ha registrato 2 mila cessazioni di aziende; nel 2015 le chiusure sono state più di mille, mentre lo scorso anno sono state 186 (anche se il dato è parziale. Rispetto alle nuove iscrizioni di aziende nei registri camerali, registra un totale di 1.454 chiusure in più . Ma non è solo il commercio a soffrire a Palermo: nel manifatturiero le cessazioni sono state 748 a fronte di 142 aperture, nei servizi di alloggio e della ristorazione le attività chiuse sono state 482 su 180 imprese avviate. Infine, secondo una ricerca del sindacato, nel 2015 a Palermo 20 mila 648 lavoratori hanno beneficiato del sussidio della Naspi, a Trapani sono stati 11 mila. Le ore di cassa integrazione autorizzate, nel 2016, nel capoluogo siciliano sono state 8 mln 220 mila (963 mila 054 in più rispetto al 2015), mentre a Trapani il dato risulta in calo. Le ore di CIG autorizzate nel 2016 sono state 797 mila 768 (-114.973 rispetto all’anno precedente).

In alto